Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Odontoiatria Naturale Le donne hanno più paura del dentista

Versione stampabile Segnala ad un amico

Ma gli uomini non lo dicono


Le donne hanno più paura degli uomini di andare dal dentista. Lo sostiene uno studio dell’Università di Toronto condotto dall’anestesista Brian Chanpong e dai docenti di odontoiatria Daniel Haas e David Locker. Si tratta del primo studio canadese a livello nazionale sulla paura e l’ansia provocate da una visita dal dentista, ed è stato pubblicato sul numero di giugno della rivista “Anesthesia Progress”.
Secondo gli autori, tuttavia, il livello di paura fra gli uomini è probabilmente stato sottodenunciato dai partecipanti. “Le donne tendono a essere maggiormente oneste a proposito delle proprie sensazioni”, spiega Chanpong. “Di solito i maschi faticano ad ammettere di aver paura ad andare dal dentista”. “Eppure – aggiunge Haas – sono i maschi giovani e sani quelli che più spesso svengono di fronte all’odontoiatra”.
Nel complesso, il 5,5 per cento dei 1100 canadesi che hanno partecipato allo studio ha dichiarato di aver “molta paura” quando si reca dal dentista, e circa la metà di loro ha cancellato o si è sottratto a una visita per questo motivo. Estrapolando il numero all’intera popolazione canadese adulta, i dati suggeriscono che oltre 400.000 persone potrebbero non aver visitato un dentista l’anno scorso per paura o ansia.
“Questo aspetto non deve essere trascurato – spiega Haas – perché le carie o altri problemi non curati possono portare a infezioni e a gravi disturbi. Non si tratta soltanto di un aspetto estetico”. Un potenziale rimedio potrebbe essere quello di aumentare l’uso dell’anestesia o dei sedativi. I dati dello studio indicano che il 12,4 per cento dei partecipanti è molto interessato a queste opzioni, mentre un altro 42,3 per cento ha espresso interesse se i conti non fossero proibitivi.
“Sia i dentisti sia il pubblico – conclude Haas – devono essere consapevoli di questa possibilità. In altre procedure mediche, i pazienti non chiedono mai se c’è bisogno di un sedativo, si tratta di una pratica semplicemente accettata”.

lescienze.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online