Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione - Cosa significa essere vegetariani?

Versione stampabile Segnala ad un amico


Essere vegetariani presuppone una cultura
adeguata...  

Articolo
di Francesco Furlan

Di
questi tempi il vegetarianismo è diventato un fenomeno
culturale largamente diffuso; ormai in parecchi ristoranti si può
trovare un’intera pagina dedicata a piatti vegetariani.

Sembra
però che il vegetarianismo non sia solo una moda di questi tempi, ma
che tragga origine da una predisposizione non solo fisiologica, ma anche
istintiva. Nico Valerio ( autore di un volume sull’alimentazione
naturale) afferma: “ E’ un dato di fatto che sia i carnivori che gli
onnivori quando sono affamati, sono attratti irresistibilmente dalla
vista di un animale vivente o di un cadavere. Questo non accade mai
all’uomo, neanche negli enfant sauvage, bambini cresciuti allo stato
selvaggio grazie al solo istinto naturale. Il bambino semmai ruba la
marmellata o il frutto dell’albero, se è goloso, ma non ruba mai un
piatto di carne, ne tanto meno uccide un piccolo animale per soddisfare
la propria fame, come fanno invece i piccoli carnivori e onnivori”.  

A
proposito del vegetarianismo l’attuale ministro della Sanità, il
Prof. Umberto Veronesi afferma:


Sono un vegetariano convinto, e la mia esperienza mi insegna che la
carne non è un cibo indispensabile allo sviluppo, alla crescita ed al
miglioramento biologico…Sono arciconvinto che non apporti alcun
elemento di forza e potenza all’organismo. L’elefante, il toro e il
gorilla, solo per fare qualche esempio, sono vegetariani eppure non sono
deboli”.

La
scelta si può compiere per svariati motivi: sanitari, filosofici,
spirituali, morali…

Rimandiamo
ad altri articoli la possibilità di comprendere le basi scientifiche ed
evoluzionistiche che sottendono al vegetarianismo e le eventuali carenze
a cui si va incontro, per cercare qui di comprendere che cos’è
veramente.

Il
vegetarianismo elimina dalla dieta qualsiasi parte animale, compresi
pesci, crostacei e lardo, ma in alcuni casi accetta i prodotti di
origine animale: latte, formaggi, miele e uova, alimenti che non
necessitano l’uccisione dell’animale.

Gradi
del vegetarismo:

1)    
I semivegetariani eliminano le carni rosse, ma
mangiano raramente pesce, caviale, e carni bianche (pollo,
tacchino,…).

2)    
Gli ovolattovegetariani che eliminano tutti i tipi
di carne e pesce, ma mangiano uova e derivati del latte.

3)    
I vegetaliani o all’inglese vegan che si cibano
solo di frutta, verdura, cereali e legumi, eliminano dal loro regime
alimentare tutti i cibi di origine animale, compresi latte, uova,
formaggi e miele.

4)    
I fruttariani consumano frutta fresca (cruda e
cotta), ricavando calorie da frutta secca e semi

5)    
I crudisti che mangiano solo prodotti crudi, perché
ritengono che molte qualità nutrizionali vadano perdute con la cottura,
a partire da gran parte delle vitamine contenute negli alimenti.Spesso
sono vegetariani, ma la loro dieta può comprendere anche la carne cruda
o semicruda. Secondo alcuni il crudismo offrirebbe molti vantaggi: dà
vitamine e minerali, stimola la digestione, pulisce l’intestino e
disintossica, fa dimagrire, richiede meno sali e condimenti, ha azione
terapeutica e non forma acido urico.

6)    
I naturisti, più che un regime alimentare è un
movimento che si propone di portare l’uomo a più intenso contatto con
la natura. Il naturismo alimentare è la riscoperta di cibi sani e
naturali, non necessariamente coincide con l’alimentazione
vegetariana, ma in ogni caso raccomanda moderazione nel consumo di carne
e grassi animali. E’ una dottrina che affida alla natura l’azione
risanatrice dell’organismo malato.

Cosa
certa è che neanche secondo i vegetariani è sufficiente non mangiare
carne per avere una alimentazione sana. Il regime vegetariano comprende
infatti l’ampliamento della gamma di cibi di possibile consumo, e
quindi l’inevitabile riscoperta dell’uso dei legumi, della enorme
varietà di cereali e farine integrali provenienti da
coltivazioni biologiche. Inoltre da frutta e verdura in tutte le loro
forme, questo a riprova che il regime alimentare vegetariano non è
un’alimentazione limitante.


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online