Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci Dubbi su un farmaco betabloccante

Versione stampabile Segnala ad un amico

L'atenololo sarebbe poco differente dal placebo, e potrebbe dare problemi


I risultati di uno studio pubblicato sulla rivista "The Lancet" suggeriscono che l'atenololo - uno dei farmaci betabloccanti più diffusi e prescritti per la riduzione della pressione sanguigna - non sia poi così efficace nel ridurre gli attacchi cardiaci o i decessi causati da malattie cardiovascolari.
L'atenololo è uno dei betabloccanti più usati, e viene spesso considerato come farmaco di riferimento negli studi clinici sulla pressione sanguigna. I timori che l'atenololo potesse non essere il miglior riferimento da confrontare con altri farmaci contro l'ipertensione hanno spinto Bo Carlberg dell'ospedale dell'Università di Umeå, in Svezia, e colleghi ad analizzare in modo sistematico i suoi effetti sulle condizioni cardiovascolari e sui decessi fra i pazienti con pressione sanguigna elevata.
I ricercatori hanno esaminato quattro studi che confrontavano l'atenololo con il placebo o con l'assenza di trattamenti, e cinque studi che lo confrontavano con altri farmaci contro l'ipertensione. I risultati indicano che gli effetti dell'atenololo non sono differenti da quelli dal placebo in termini di decessi dovuti a tutte le cause, a cause cardiovascolari, o per l'incidenza di attacchi cardiaci. L'unico aspetto favorevole risulterebbe una tendenza verso una minor incidenza di ictus. Rispetto agli altri farmaci, invece, l'atenololo aumenterebbe leggermente la mortalità dovuta a tutte le cause, e mostrerebbe una tendenza verso una maggior incidenza di decessi dovuti a malattie cardiovascolari e ictus.
"Abbiamo alcuni dubbi - è il commento del co-autore dello studio, Lars H. Lindholm - sull'adeguatezza dell'atenololo come farmaco di prima linea contro l'ipertensione e come farmaco di riferimento nei trial clinici".

(lescienze.it)


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online