Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Editoriali Le regioni finanziano 60 progetti di Medicina Alternativa

Versione stampabile Segnala ad un amico

Quattro milioni per la ricerca: l´omeopatia non è più un tabù

Fonte: La Repubblica
Martedì, 26 ottobre 2004

di Giuseppe Del Bello


Omeopatia, fiori di Bach, agopuntura, medicina tradizionale cinese e tanti altri sistemi terapeutici, già utilizzati da milioni di pazienti in tutta Italia, entrano oggi a pieno titolo nel sistema sanitario regionale. La Campania è, dopo la Toscana, la regione più sensibile alle esigenze della medicina non convenzionale. Un record positivo che finalmente corregge i guasti dei "Lea", i livelli minimi assistenziali, da cui lo Stato aveva escluso trattamenti alternativi a quelli della medicina ufficiale.

Con un decreto dirigenziale la Regione ha infatti approvato 26 progetti per la ricerca e 60 per l´assistenza della Medicina non Convenzionale con uno stanziamento di quattro milioni di euro. Con il primo, le Asl e gli ospedali, aprono le porte della ricerca "alternativa" agli specialisti che potranno finalmente portare avanti i propri studi comparitivi per verificare, dati alla mano, la validità dei protocolli suggeriti. Il secondo è invece destinato all´assistenza. Vuol dire che gli ambulatori già presenti nei distretti e nei presidi ospedalieri saranno potenziati, mentre altri ne saranno istituiti. Già oggi in città, ma anche in regione, i seguaci del remedium omeopatico o dell´agopuntura cinese o di altre discipline orientali e non, possono riferirsi ad alcune strutture ambulatoriali: per esempio al San Paolo, al Loreto Crispi, al Cto, al San Giovanni Bosco, all´Elena d´Aosta, al Cotugno, all´Annunziata e al distretto 44.


Dodici i progetti proposti da specialisti della Asl Napoli 1 (l´azienda sanitaria metropolitana), gli altri sono arrivati dalle Asl e dagli ospedali sparsi sul territorio, come il Santobono (polo pediatrico napoletano), il Rummo di Benevento e il Moscati di Avellino. La selezione dei programmi da realizzare è stata affidata alla Commissione regionale coordinata da Rosario Pennacchio che già annuncia l´attivazione di nuovi ambulatori. Soddisfatto, ma rigoroso il commento del manager della Napoli 1 Angelo Montemarano: «Vigilerò attentamente affinché i fondi vengano davvero indirizzati dove previsto».


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online