Biospazio

L'importanza dello spazzolamento
Data: Giovedì, 01 maggio @ 00:02:04
Argomento Odontoiatria Naturale


Nella salute dei denti è fondamentale lo spazzolino (ma soprattutto il tipo di dieta, gli animali non hanno carie Nd R)
LM&SDP
TI CONSIGLIAMO:

+ Scarsa salute dentale e declino cognitivo: c’è una correlazione

Sappiamo ormai tutti che un’accurata igiene orale è alla base non solo di un sorriso sano, ma anche di una migliore salute in generale.
Sono molti infatti gli studi che hanno evidenziato come i problemi del cavo orale possano influire sulla salute di denti e gengive. Ma, dolori a parte, i disturbi a denti e gengive come la parodontite possono a loro volta essere causa di un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e anche parti prematuri.

Di recente, uno studio della Columbia University di New York e pubblicato sul Journal of the American Heart Association, mostra per esempio come il miglioramento della salute delle gengive e la riduzione della presenza di batteri legati alla malattia parodontale siano legati a un rallentamento del processo di aterosclerosi, la deposizione di placche nelle arterie, che sono alla base di malattie cardiache e ictus. Oramai è noto come le infiammazioni, dal cavo orale, possano diffondersi ad altri organi del nostro corpo, spesso distanti dalla bocca, aprendo la porta a gravi patologie.

Nemico numero uno della salute di denti e gengive è la placca. Una minaccia che spesso rimane anche dopo essersi lavati accuratamente i denti. Il problema è in parte dovuto non alla scarsa perizia di chi si lava i denti, ma dalla conformazione della propria bocca – differente da caso a caso – che fa sì che la placca si accumuli giorno dopo giorno in aree difficili da raggiungere con uno spazzolino tradizionale.
Le aree più frequentemente interessate sono quelle dentro e lungo il bordo gengivale e quelle tra gli spazi interdentali, che sono anche le più comunemente associate a gengiviti e malattie parodontali: è lì allora che dobbiamo insistere con un’azione di spazzolamento efficace ma anche delicata, perché si tratta di gengive, dunque di un tessuto che potrebbe venire danneggiato da un’azione troppo aggressiva.

A questo scopo esiste una tecnica di spazzolamento ad hoc, consigliata proprio per un’igiene più accurata degli spazi interdentali e del solco gengivale: la tecnica di Bass, che suggerisce un posizionamento dello spazzolino orientato a 45° rispetto al margine delle gengive. Ma anche il tipo di spazzolino utilizzato insieme alla tecnica di Bass può fare la differenza. Per risolvere il problema delle zone delicate e difficili da spazzolare, per esempio, GUM ha realizzato Technique PRO, uno spazzolino completamente innovativo, con un doppio livello di setole differenziate e con impugnatura brevettata che favorisce e semplifica la manovra di inclinazione a 45°. Lo spazzolino è composto sia da setole tradizionali che da setole estremamente affusolate; queste ultime, grazie a un diametro terminale di soli 0.01 mm, sono in grado di rimuovere con delicatezza il biofilm batterico sotto e lungo il bordo gengivale e penetrare negli spazi interdentali a una maggiore profondità.

Durante i test di laboratorio questo nuovo tipo di spazzolino si è dimostrato ben 7 volte più efficace di uno spazzolino con setole tradizionali nella pulizia del bordo gengivale: un’innovazione di cui proprio non potremo fare a meno se vogliamo tenere alla larga le malattie parodontali, contribuendo in tal modo a migliorare la salute dell’intero organismo.

Come praticare la Tecnica di Bass
La Tecnica di Bass permette di raggiungere efficacemente la placca sottogengivale sia a livello del solco gengivale che nelle nicchie interdentali, includendo un delicato massaggio gengivale e si esegue posizionando l’apposito e speciale spazzolino a livello degli spazi interprossimali e del solco gengivale, orientandolo a 45° rispetto al margine. Si compiono poi piccoli movimenti vibratori per 6-7 volte al fine di disgregare la placca batterica e un successivo movimento a rullo o semirotatorio dalla gengiva verso il dente. La pulizia andrebbe iniziata dalle superfici esterne, poi quelle interne e infine le superfici occlusali. La pulizia dei lati interni dei denti incisivi, difficilmente raggiungibili a causa delle ridotte dimensioni dell’arcata dentale, va eseguita orientando lo spazzolino in posizione verticale.

Per maggiori info: www.GUMforGUM.it.

http://www.lastampa.it/2014/04/12/scienza/benessere/limportanza-di-una-corretta-igiene-orale-un-aiuto-dalla-tecnica-bass-96ILHoWBkIncvAALSAmpyJ/pagina.html

Questo Articolo è stato scritto da Biospazio
http://www.biospazio.it/

La URL di questo articolo è:
http://www.biospazio.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=3177