Biospazio

Attenzione ai colpi di calore
Data: Mercoledì, 07 agosto @ 00:02:58
Argomento Esercizio fisico


L'esercizio fisico d'estate può essere pericoloso.

-
2013

LM&SDP
Inutile dire che buttarsi di colpo a praticare sport o giochi durante il periodo di vacanza, specie se durante tutto l’anno non si è fatto molto movimento, è pericoloso per la salute cardiovascolare: il rischio è infatti di essere vittime di un infarto o altro evento cardiaco o coronarico.

Tuttavia, oltre all’eccessivo e improvviso movimento, a fare la sua parte nell’attentare alla salute c’è il calore. Il caldo se infatti è nemico della circolazione, lo è anche per l’organismo in generale.
Uno dei principali rischi che si corre quando ci si metta a fare sport o giocare durante le giornate estive è il cosiddetto colpo di calore, che può cogliere chiunque e che, una volta sperimentato, ci mette a rischio per sempre.

«Non tutti i casi di colpo di calore sono fatali, ma alcuni casi lo sono – spiega Stacey Snelling, associate dean dell’American University’s School of Education, Teaching and Health, in un comunicato stampa dell’università – Una volta poi che avete sperimentato il colpo di calore è necessario essere ancora più attenti: si è infatti diventati più sensibili a esso, perché si è rovinato l’ipotalamo, la parte del cervello che regola la temperatura corporea».

Per evitare brutte sorprese a chi è intenzionato fare sport, esercizi, giochi durante le giornate estive, Snelling offre i suoi consigli.
Anzitutto è bene praticare queste attività durante i momenti più freschi della giornata.
«Molti ritengono che sia la sera il momento più fresco della giornata – sottolinea Snelling – ma in realtà è la mattina presto appena prima che sorga il Sole. Se proprio il vostro programma non prevede un allenamento di mattina presto, attendete almeno le ore 17.00».

Altro consiglio è quello di scegliere il giusto tipo di abbigliamento.
«La scelta dell’abbigliamento è importante – spiega ancora Snelling – Indossare colori chiari in quanto riflettono la luce, e capi in materiale traspirante, non di cotone, che assorbono il sudore e diventano pesanti quando sono saturi. Inoltre, indossare il meno vestiti possibile».

E poi ancora facilitare l’adattamento dell’organismo all’attività estiva all’aperto – come detto, evitare di buttarsi di colpo in attività fisiche.
«L’acclimatazione è quel processo per cui il nostro corpo gradualmente si adegua al calore – fa notare Stacey Snelling – Andateci piano durante le prime due settimane, aumentando gradualmente l’intensità del vostro allenamento, ma ascoltate sempre il vostro corpo. Se si iniziate a sentirvi male o provate vertigini, fermatevi immediatamente: riposatevi, rinfrescatevi e idratatevi».

Essere sempre idratati, poi, è di vitale importanza. La disidratazione può essere infatti molto pericolosa.
«Bere molta acqua mentre si è attivi. Ma è anche importante pesarsi prima di fare esercizio all’aperto, e poi di nuovo dopo che si ha finito – sottolinea Snelling – Bere acqua a sufficienza per sostituire l’acqua che si è persa durante l’attività: bere 1 litro di acqua per ogni chilo perso».

Esponendosi al Sole è molto importante proteggersi. Specie se l’attività è praticata con abiti succinti o in costume da bagno. Anche in questo caso, esistono prodotti specifici per chi fa sport.
«Numerose marche producono creme studiate appositamente per proteggere dalla luce solare e che resistono al sudore, e non colano negli occhi. Se avete i capelli lunghi, teneteli su in modo che il sudore sul collo possa meglio evaporare e mantenere la pelle fresca».

Ecco quindi come seguendo alcuni piccoli accorgimenti si possa stare più tranquilli se si è deciso di fare un po’ di sport o giocare all’aperto durante l’estate.

http://www.lastampa.it/2013/07/02/scienza/benessere/lifestyle/gli-improvvisati-del-fitness-estivo-rischiano-seriamente-la-salute-F2dyn1NIN2PTBp3EIkni9N/pagina.html

Questo Articolo è stato scritto da Biospazio
http://www.biospazio.it/

La URL di questo articolo è:
http://www.biospazio.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=3038