Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci - Pesticidi intorno a noi

Versione stampabile Segnala ad un amico

Crediamo che i
pesticidi vengano utilizzati in agricoltura solo in certi periodi dell'anno e
che si degradino prima di arrivare alle nostre mense. E se le cose stessero
diversamente?


di
Luciano Rizzo

Nella nostra esperienza abbiamo riscontrato più
volte improvvisi ed inspiegabili  peggioramenti dello stato di
salute generale di alcuni pazienti. Una valutazione dell’indice
biologico ci mostrava un abnorme innalzamento dei valori, soprattutto
per quanto riguarda l’incapacità di eliminare tossine e
l’intossicazione vera e propria.

Siamo stati insospettiti da una variazione
dello stato di salute in senso peggiorativo (stanchezza innanzi tutto,
ma anche brividi, febbricola, cefalea) non giustificata da un fenomeno
infettivo acuto. Una serie di domande, su farmaci o sostanze tossiche
che potrebbero aver assunto, ci ha portato in alcuni casi a riscontrare
l’avvenuto contatto con pesticidi.

In altri casi le cause del peggioramento non
erano chiare, ma, avvenendo tutte nell’arco di alcuni giorni ci sono
parse collegate a fenomeni di bassa pressione che aumentano la
concentrazione degli inquinanti ambientali.

In particolare un primo caso alla visita
abbisognava principalmente di drenaggio epatico. Al controllo dopo due
mesi i test di elettroagopuntura abbinati al test muscolare
evidenziavano positività agli anticrittogamici. Alla nostra domanda se
aveva utilizzato tali preparati il paziente è sbiancato in volto: ci ha
raccontato che aveva spruzzato antiparassitari sugli alberi del suo
giardino senza adeguate protezioni. Ciò avveniva subito prima
dell’inizio della sintomatologia.

Un altro caso, sempre con indici biologici
improvvisamente elevati (mentre precedentemente erano vicini allo 0),
arrivava alla nostra osservazione con sintomi simili. Alla nostra
domanda su eventuali preparati assunti negava, ma altre domande ci
portavano a conoscenza di alcune “innocenti” spruzzatine di
antiparassitari sulle piante di casa.

In altri casi le persone hanno riferito
disturbi della pelle subito dopo il pasto. Si trattava di bambini con
dei piccoli rigonfiamenti uguali ad una puntura di zanzara. 
Le mamme, infatti, ritenevano si trattasse di punture di tali
insetti, ma era inverno! La sostituzione di alcuni cibi con i loro
simili da agricoltura biologica ha risolto il problema. In particolare
tale disturbo avviene frequentemente con arance e mele.

D’estate gli antiparassitari sono utilizzati liberamente nei
campeggi e nelle località di villeggiatura per eliminare zanzare ed
altri insetti fastidiosi. Tutto ciò mentre i turisti sono presenti.
Quasi sempre non vengono avvertiti del momento in
cui vengono spruzzate tali sostanze.

Questo comportamento causa a nostro parere numerosi problemi da
intossicazione fra cui allergie e malattie croniche. Riteniamo che i
pesticidi saranno tra le principali cause di inquinamento del nostro
secolo.

 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online