Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Editoriali Popolazione poco sana

Versione stampabile Segnala ad un amico

Il livello di salute a livello globale è basso.

-
2015

Solo una persona su venti, in tutto il mondo, non ha sofferto di alcun problema di salute nel 2013. E un terzo dell’umanità, poco più di due miliardi e mezzo di persone, ha patito più di cinque malattie. Sono i risultati dello studio Global Burden of Disease 2013 (Gbd), appena pubblicato sulle pagine di Lancet. Che porta anche altre cattive notizie: la proporzione dei cosiddetti Dalys (acronimo per Disability-adjusted life years, ovvero gli anni di vita trascorsi da malati) è cresciuta del 10% rispetto al 1990. Come a dire: viviamo più a lungo, ma l’invecchiamento della popolazione fa sì che ci si ammali più frequentemente. Un trend che, secondo gli autori della ricerca, è destinato a salire rapidamente nei prossimi decenni.
Nello studio, gli scienziati hanno analizzato quasi 36mila cartelle cliniche, provenienti da 188 diversi paesi e relative al periodo 1990-2013. Evidenziando come le principali cause di disabilità non abbiano subito variazioni sostanziali. Si tratta di lombalgia,depressione, anemia da carenza di ferro, dolore al collo e perdita dell’udito dovuta all’invecchiamento. E, cosa ancora più importante, i tassi di disabilità variano nel tempo in modo molto diverso rispetto ai tassi di mortalità: l’incidenza del diabete, per esempio, è aumentata del 43%, mentre la mortalità dovuta alla patologia è aumentata solo del 9%.
“Il fatto che la mortalità si abbatta più velocemente rispetto all’incidenza delle malattie”, spiega Theo Vos, principale autore del lavoro e docente allo Institute of Health Metrics and Evaluation della University of Washtington, “costituisce un’ulteriore dimostrazione di quanto sia importante prestare attenzione alla degradazione della salute umana a livello globale dovuta a queste cause di disabilità, piuttosto che concentrarsi semplicemente sulla riduzione della mortalità”. È necessario, dunque, un repentino cambio di rotta da parte delle istituzioni responsabili delle politiche sanitarie: “Le più diffuse cause di perdita della salute, in particolare malattie muscolo-scheletriche e disturbi mentali e del comportamento, non hanno ricevuto l’attenzione che meritavano”, conclude Vos. “È indispensabile affrontare al più presto questi problemi, cambiando le priorità sanitare in tutto il mondo. Perché, oltre a far vivere più a lungo la popolazione, dobbiamo riuscire a mantenerla in buona salute”.
Via: Wired.it



 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online