Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Additivi dannosi

Versione stampabile Segnala ad un amico

Per la flora intestinale
-
2015

I cibi che mettiamo ogni giorno sulla tavola sono cambiati rispetto al passato. Ma non è soltanto una questione di gusto. Dai risultati di uno studio appena pubblicato su Nature, infatti, emerge come l’aumento delle malattie infiammatorie intestinali e della sindrome metabolica possa essere collegato all’uso sempre più frequente di additivi negli alimenti.

A lanciare l’ipotesi sono due ricercatori del dipartimento di scienze biomediche della Georgia State University, Benoit Chassaing e Andrew Gewirtz. A dare consistenza al loro lavoro, anche il prestigio della rivista che ha scelto di pubblicarlo. Nel corso della ricerca gli studiosi hanno somministrato per tre mesi a tre campioni di topi due emulsionanti molto utilizzati dall’industria alimentare: il polisorbato 80 (E433) e la carbossimetilcellulosa (E466). Entrambi sono aggiunti a gelati, integratori, piatti pronti e prodotti senza glutine per renderli più appetibili e favorirne una maggiore conservazione. Ma la loro presenza, alla luce dei nuovi riscontri, potrebbe non essere priva di conseguenze.

I ricercatori hanno fornito le due molecole «a concentrazioni relativamente basse» a tre categorie di topi: geneticamente predisposti a sviluppare le malattie infiammatorie intestinali e non, oltre a un gruppo reso privo della flora batterica intestinale. Osservando gli animali appartenenti al primo campione, è emersa l’alterazione del microbiota intestinale - l’insieme di batteri, virus e parassiti che vivono nel tubo digerente - che si verifica sempre nei pazienti che soffrono di morbo di Crohn, rettocolite ulcerosa e sindrome metabolica .

Viste la coerenza della genetica umana e il costante aumento di casi di malattia nell’ultimo secolo, i ricercatori non escludono a questo punto che a favorirne la diffusione siano alcuni fattori ambientali: a partire dalla dieta. A suffragare la loro ipotesi altri due riscontri. Nei ratti non predisposti alle malattie la distribuzione dei due emulsionanti ha innescato il processo infiammatorio e la sindrome metabolica. In quelli privati dei batteri intestinali, invece, l’infiammazione s’è avuta dopo il trapianto di germi: a dimostrazione del ruolo centrale giocato da un’alterazione della flora microbica. «Il suo squilibrio è una delle poche certezze che abbiamo quando si parla delle malattie infiammatorie intestinali - spiega Silvio Danese, responsabile del centro di ricerca e cura per le malattie infiammatorie croniche intestinali dell’istituto Humanitas di Milano -. Le conclusioni della ricerca sono molto interessanti, ma prima di puntare il dito contro gli additivi occorre verificare i dati in uno studio condotto sull’uomo. Le dosi usate in laboratorio sono di norma molto superiori a quelle a cui si risulta normalmente esposti».

A detta degli autori della ricerca, però, sarebbe già necessario mettere in discussione l’iter di approvazione degli additivi alimentari, «insufficiente a evidenziare un possibile ruolo nell’insorgenza di malattie a carattere infiammatorio». Al momento per utilizzarne uno occorre dimostrare che l’impiego è necessario per: una migliore conservazione dell’alimento, fornire nutrienti specifici e necessari per la dieta di alcuni consumatori, aumentare la conservabilità di un prodotto e contribuire a una sua migliore riuscita nel corso dell’intera filiera.

http://www.lastampa.it/2015/02/25/scienza/benessere/disturbi-intestinali-le-responsabilit-degli-additivi-9OFG9Wna0FGhlkLXAxCm4N/pagina.html


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online