Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci Contraccettivi e ipertensione

Versione stampabile Segnala ad un amico

L’esposizione prolungata agli estrogeni contenuti nei contraccettivi orali può essere causa di ipertensione
I ricercatori della Michigan State University (Usa) ritengono che l’esposizione per lungo tempo agli estrogeni, gli ormoni femminili contenuti nei contraccettivi orali e nei farmaci per la terapia sostitutiva, possa provocare l’ipertensione.

Anche se al momento il legame tra pressione sanguigna alta ed estrogeni non è del tutto chiaro, diversi recenti studi hanno suggerito che questa esposizione nel lungo termine può essere causa di ipertensione. Questa condizione, si sa, può determinare problemi cardiaci, infarti e attacchi al cervello come l’ictus.
Per questo motivo, i ricercatori Usa hanno condotto uno studio in cui si è evidenziato come l’uso di estrogeni per molto tempo possa generare livelli eccessivi di un composto chimico che porta a stress.
I risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of Physiology e mostrano che la possibilità di assumere degli antiossidanti come il resveratrolo può invertire questo processo inibendo i livelli di un radicale libero quale il superossido e abbassando la pressione.
«Questo è un importante studio su almeno due livelli. Primo, continua a confermare gli effetti negativi che l’esposizione agli estrogeni a lungo termine ha per le donne. Secondo, fornisce una nuova ratio sul come e perché questo rapporto si verifica», ha dichiarato il dottor PS Mohan Kumar, coautore dello studio.

Il dibattito sull’uso dei contraccettivi orali continua, quindi. Come spesso accade, le campane suonano diverse. C’è quindi chi rassicura che questo genere di farmaci non è dannoso, anche a lungo andare; e c’è chi invece la pensa diversamente, come suggerito da questo nuovo studio. Quello che possiamo capire è che, in ogni cosa, ci sono i due lati della medaglia e che, per quanto possa essere sicuro, ogni rimedio ha i suoi pregi e difetti. L’importante è saperlo, e agire con cognizione di causa e informandosi presso il proprio ginecologo su quali possono essere i pro e contro. E poi decidere cosa è meglio per sé.
[lm&sdp]

http://www3.lastampa.it/benessere/sezioni/medicina/articolo/lstp/404630/


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online