Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione L’obesità mette a rischio la memoria

Versione stampabile Segnala ad un amico

Soprattutto nelle donne
di Katia Clemente | Pubblicato il 15 Luglio 2010

Le donne in sovrappeso sono più smemorate. Questa condizione sembra essere più accentuata in coloro che mostrano un accumulo adiposo sui fianchi, con una caratteristica struttura "a pera", rispetto a quelle con una conformazione "a mela", che presentano la tendenza ad acculare grasso al girovita. I ricercatori della Northwestern Medicine di Chicago, Illinois (USA), hanno condotto il primo studio che correla l'obesità alla perdita di memoria e alle funzioni cognitive, pubblicando i loro risultati su Journal of the American Geriatric Society.
La ricerca ha preso in esame 8745 donne in menopausa di età compresa tra 65 e 79 anni. Le partecipanti sono state sottoposte dai ricercatori a un test di valutazione della memoria, chiamato Modified Mini-Mental Status Examination, che prende in considerazione anche alcuni fattori di rischio per la salute come il diabete, le malattie cardiache e l'ictus. Gli studiosi hanno poi riscontrato che a ogni punto di incremento dell'Indice di Massa Corporeo (Imc) corrispondeva la diminuzione di un punto nel test della memoria. Soprattutto nelle donne con una conformazione "a pera". Gli effetti del sovrappeso, che resta pericoloso in entrambi i casi, possono essere infatti differenti a seconda di dove è localizzato il grasso in eccesso.
L'adipe determina la produzione di citochine, ormoni responsabili dell'infiammazione e dei danni alle funzioni cognitive; ma i vari tipi di grasso rilasciano differenti citochine, determinando quindi effetti diversi sull’equilibrio degli zuccheri nel sangue, sulla presenza di lipidi e sulla pressione arteriosa. "Perciò sarebbe necessario in futuro scoprire se un determinato tipo di grasso è più dannoso di altri e in che modo esso possa influire sulla capacità mentali" spiega il coordinatore dello studio Diana Kerwin.
Riferimenti:10.1111/j.1532-5415.2010.02969.x
galileonet.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online