Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia Normali livelli di colesterolo non sono garanzia di un cuore sano

Versione stampabile Segnala ad un amico

Normalizzare i livelli di LDL non mette al riparo dai rischi cardiovascolari.







A chi sono stati riscontrati alti livelli di colesterolo "cattivo" o LDL spesso vengono prescritti farmaci a base di statine per ridurre questi eccessi. Tuttavia, anche se questi livelli finiscono per rientrare nella norma, non è detto che ci si metta al riparo dal rischio di malattie cardiovascolari, infarto e ictus. Ed è proprio quello che hanno voluto capire i ricercatori del Methodist DeBakey Heart & Vascular Center di Houston (Usa).

In questo nuovo studio, che segue i risultati di un precedente studio nazionale denominato "Jupiter", si è cercato di stabilire se e come le statine possano aiutare a prevenire le malattie cardiache e l'ictus nelle persone con normali livelli di LDL e maggiori livelli di proteina C reattiva (CRP) prodotta dal fegato. Questa stessa proteina è stata a lungo considerata un "marker" per il rischio cardiovascolare.
È importante tutto questo, sottolineano i ricercatori, perché una persona su cinque tra gli uomini oltre i 50 anni e le donne oltre i 60 d'età presenta normali livelli di colesterolo "cattivo" e alti livelli di CRP.
L'analisi eseguita su pazienti a rischio cardiovascolare su una media di sette anni ha cercato di stabilire se i livelli di CRP potessero essere degli indicatori chiave del rischio.
Si è così scoperto che con un semplice test di screening è possibile identificare i pazienti che possono beneficiare delle statine e quelli per cui potrebbero non essere utili dato che, come suggerito dallo studio, normalizzare unicamente i livelli di LDL non mette necessariamente al riparo dai rischi cardiovascolari.
(lm&sdp)

Source: lo studio è stato pubblicato sulla rivista dell'American College of Cardiology".
www.lastampa.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online