Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Latte che fa bene, latte che fa male

Versione stampabile Segnala ad un amico

Non tutte le mucche sono uguali

Scritto da Dr Francesco Perugini Billi
Mercoledì 21 Ottobre 2009 12:08

Un tempo il latte era un alimento il cui valore non si metteva in discussione. Oggi, molti di noi si sentono meglio se lo evitano. Si è detto che il latte non è più quello di una volta, che le mucche invece di pascolare sui prati e brucare l’ erba vivono in allevamenti intensivi dove vengono nutrite con pastoni, imbottite di antibiotici e vengono munte a ritmi così innaturali che alla fine crepano prima del previsto. Si è anche detto la pastorizzazione e l’ omogeneizzazione hanno cambiato le qualità originarie del latte, trasformando questa bevanda in qualcosa di poco salutare. Più di recente, è stata proposta una nuova teoria, che pone l’accento sulla genetica della vacca, più che sulla manipolazione del latte.


Secondo il Dr Kevin Woodford, Professore di Farm Management and Agribusiness alla Lincoln University, Nuova Zelanda, circa 5000 anni fa la Beta-Caseina, una proteina presente nel latte, si è trasformata. Nella sua catena di 229 amminoacidi, in posizione 67, la prolina è stata sostituita con l’istidina. Da quel momento esistono due tipi di mucca, l’A2, quello più antico e l’A1, quello che produce il latte con la proteina trasformata, chiamata Beta-Caseomorfina-7 (B-CM7).

Per ragioni ancora poco chiare, il gene della caseina A1 si è largamente diffuso in Europa. Secondo alcuni, la ragione sta nel fatto che i vitelli che ricevono dalla madre il B-CM7 sono più docili e quindi l’uomo li ha preferiti. Sta di fatto, che le razze più antiche producono ancora latte A1, come ad esempio la Jersey, la Guernesey e la Zebu africana. Vacche della razza Holstein e Frisona producono un latte che per la metà è A1 e per l’altra è A2. Il bufalo e lo yak producono latte A2, così come la capra e la pecora.

La B-CM7, mille volte più narcotica della beta-caseina, proteina che si trova nel latte umano, agisce come potente oppioide nel nostro organismo. Il Dr Woodford è convinto che il latte A1 provochi risposte infiammatorie a livello dei vasi sanguigni, da cui il rischio cardiovascolare, e porti alla produzione di un eccesso di muco. C’è anche una crescente evidenza che questo latte sia alla base dei sempre più frequenti disturbi cognitivi dei bambini, come ad esempio l’autismo e la dislessia. Gli studi epidemiologici mostrano una relazione tra consumo di latte A1 e mortalità per disturbi mentali. Per altro, il latte A1 è spesso utilizzato per produrre latte in formula per i neonati e i bambini piccoli.

In condizioni normali, la B-CM7 non può attraversare la barriera mucosa intestinale, ma nel caso di un aumento di permeabilità intestinale le cose posso cambiare. Un eccesso di vaccinazioni, l’abuso di farmaci e un’alimentazione moderna devitalizzata potrebbero facilmente causare questa permeabilità.

Uno studio ha mostrato che la somministrazione di B-CM7 ai topi di laboratorio provocava, in soli 65 secondi, agitazione e nervosismo, che dopo qualche minuto lasciavano il posto ad atteggiamenti passivi ed antisociali. In uno studio umano sono stati trovati alti livelli di anticorpi verso la caseina nel 90% dei pazienti autistici esaminati e nel 93% di quelli schizofrenici. Inoltre, sottoposti ad una dieta priva di caseina e di glutine, l’81% di questi pazienti mostrava miglioramenti cognitivi e comportamentali, entro tre mesi dall’inizio della dieta. Sembra che la barriera emato-encefalica dei bambini autistici sia molto più permeabile ai peptidi, inclusi quelli del latte.

Considerato il pericolo insito nel consumo di latte A1, molti allevatori stanno sempre più selezionando mucche del tipo A2. Diversi studi internazionali hanno mostrato che il consumo di latte di queste razze è nutriente e allo stesso tempo benefico per la prevenzione di diverse malattie.



Bibliografia



- Lynn Berry A2 Milk: the Solution to Lactose Intolerance, Allergies and Other Illness?
http://www.naturalnews.com/023752_cows_lactose_intolerance_casein.html

- McTaggart L. Milk: don’t drink up. WDDTY. Vol 20; no 6.

- Williams L. The A1 vs A2 milk story. http://www.maternity.org.nz/

- Woodford K. devil in the Milk. Chelsea gree Pub. 2009

dottperuginibilli.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online