Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Fisiologia Mani calde cuore caldo

Versione stampabile Segnala ad un amico

Un detto veritiero?

di emanuela grasso Pensiero Scientifico -


Calore umano e desiderio di essere accolti sono sentimenti che, secondo la teoria dell'attaccamento, chiunque si porta appresso sin dalla nascita in virtù anche dell'indelebile imprinting dato dal rapporto madre-figlio. È nel senso comune che le persone calde siano accoglienti mentre le persone gelide siano respingenti. Ma esiste un modo per diventare meno glaciali? Pare di sì, basta non bere bevande ghiacciate! Il "calore" espresso da una persona, infatti, non è da intendersi solo simbolicamente: anche la temperatura corporea aiuta. Basta tenere in mano una bevanda calda e già l'animo si riscalda, e le persone intorno se ne accorgono e si sentono accolte e più disposte al dialogo. Lo ha dimostrato una ricerca pubblicata sull'ultimo numero della rivista Science. Alcune ricerche condotte di recente hanno dimostrato che una particolare zona del cervello, l'insula, è coinvolta sia nei processi di termoregolazione corporea che nella gestione dell'emotività e in particolare dell'affettività. Nella stessa zona cerebrale, dunque, si concentrano le emozioni positive, gli slanci amorevoli nei confronti del prossimo e alcuni centri che regolano la temperatura del corpo. I neuroni, dunque, sono talmente vicini che i segnali che devono trasmettere il calore reale e il calore emotivo si influenzano? Potrebbe essere; ma se anche la spiegazione fisiologica non fosse questa, i ricercatori della University of Yale che hanno firmato questo singolare lavoro sono convinti che vi sia un forte legame tra la temperatura espressa in gradi celsius e il calore umano di una persona. Un esempio banale a sostegno di questa tesi potrebbe essere il fantomatico temperamento caliente latino tipico delle popolazioni che vivono in zone in cui il clima è mite e il sole splende alto nel cielo quasi tutto l'anno; a questo stereotipo se ne oppone un altro: la proverbiale freddezza nordica tipica delle popolazioni che vivono in regioni in cui la temperatura va spesso sotto lo zero e anche d'estate non raggiunge quasi mai i trenta gradi. Per non parlare, ovviamente, della passione e del desiderio di calore umano che si risveglia d'estate e tendenzialmente si assopisce d'inverno. La ricerca è sicuramente "curiosa" e lascerebbe quasi concludere che nelle coordinate dei rapporti interpersonali calore e passione siano sud, freddezza e razionalità siano nord. Fonte: Williams LE et al. Experiencing physical warmth promotes interpersonal warmth. Science 2008; 606-607.
yahoo.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Fisiologia
· Ultime news


Articolo più letto su Fisiologia:
Come curare la Candida?

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online