Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Fare la spesa con i numeri sani: l'ONQI

Versione stampabile Segnala ad un amico

Non piu' solo proteine, ferro o calcio!

Un nuovo articolo pubblicato sul sito di SSNV introduce l'indice ONQI,
vale a dire "Overall Nutritional Quality Index", Indice di qualità
nutrizionale globale. Si tratta di un numero, generato da un algoritmo,
che rispecchia appunto la qualità nutrizionale globale di un alimento.

Elaborato dal Griffin Prevention Research Center (Centro Griffin per la
ricerca e prevenzione) dell'Università di Yale, con la collaborazione di
un team di esperti di fama internazionale, tra i quali il professor
Walter Willett, l'ONQI si prefigge di convertire nella pratica le
conoscenze scientifiche, classificando gli alimenti secondo un punteggio
che da 1 a 100 rispecchia la loro qualità nutrizionale.

Tutti i cibi sono infatti composti da un ampio spettro di nutrienti e
apportano calorie. E' l'insieme di tutti i nutrienti (come quantità e
qualità) e il loro rapporto con le calorie che rende un alimento non
solo nutrizionalmente adeguato ma anche responsabile dei sui effetti
sulla salute.

I fattori considerati nell'ONQI sono:

- fibre
- vitamine (folati; vitamine A, C, D, E, B12, B6)
- minerali (potassio; calcio; zinco; magnesio; ferrro; sodio)
- grassi (acidi grassi omega-3; acidi grassi saturi; grassi trans;
colesterolo)
- antiossidanti (bioflavonoidi; carotenoidi)
- zuccheri
- qualità lipidica
- qualità proteica
- densità calorica
- carico glicemico

Leggere le etichette è complicato, e con le decine di migliaia di
prodotti esposti negli scaffali dei supermercati è arduo persino pensare
di riuscire a leggerne anche solo una piccola percentuale. Inoltre, il
consumatore medio non è in grado di desumere dalla lettura
dell'etichetta nutrizionale se un cibo è "buono" o "cattivo".

Il punteggio ONQI permette al consumatore di scegliere il cibo migliore
in modo rapido. Per questo negli USA i grandi magazzini stanno adottando
questo indice, esponendo a fianco di numerosi prodotti le classifiche
valutative dell'ONQI, e molti altri supermercati, produttori e
ristoranti hanno intenzione di adottare le tabelle con le classifiche
nel 2009.

Alcuni esempi dell'indice ONQI dei vari alimenti si trovano
nell'articolo "Fare la spesa con i numeri sani: l'ONQI"
http://www.scienzavegetariana.it/nutrizione/indice_onqi.html


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online