Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci Gli integratori non fanno bene?

Versione stampabile Segnala ad un amico

Secondo uno studio non darebbero benefici evidenti, anzi.

di Monica Marcenaro - giovedì 01 marzo 2007, 07:00
Se qualcuno sperava di aver trovato nelle vitamine antiossidanti l'elisir di lunga vita dovrà ricredersi. Stando a una meta-analisi condotta da ricercatori danesi è risultato, infatti, che le vitamine A, C ed E, utilizzate da milioni di persone in tutto il mondo sotto forma di integratori, potrebbero non aver nessun effetto sull'allungamento della vita, anzi.

Secondo la ricerca potrebbero essere controproducenti, aumentando il rischio di morte. Immediate le polemiche nel mondo accademico, nonostante lo studio sia stato pubblicato sul Journal of the American medical association, una delle riviste scientifiche più prestigiose al mondo.

I ricercatori dell'università di Copenhagen hanno analizzato 68 studi già effettuati sugli antiossidanti, che hanno coinvolto 230mila persone, non trovando alcun effetto significativo sulla longevità. Scartando le ricerche considerate meno attendibili, è emerso che la vitamina A accorcia la vita del 16 per cento, il beta-carotene del 7 per cento e la vitamina E del 4 per cento. Nessun effetto evidente, invece, da selenio e vitamina C.

Sarebbe, così, sconfessato il ruolo di difensori dell'organismo dagli attacchi dei radicali liberi, attribuito agli antiossidanti. Il condizionale è d'obbligo, «perché questo tipo di analisi va letto con molta attenzione - sottolinea Salvatore Carruba, farmacologo dell'università di Milano - sono stati messi insieme dati raccolti con modi e finalità diverse. Sarebbe interessante capire, per esempio, se è stata fatta la somma di ricerche sulla somministrazione di una singola vitamina alla volta o più, se somministrata solo in pillola oppure anche attraverso l'alimentazione».

Secondo gli studiosi danesi è «molto meglio, e soprattutto molto più salutare una dieta bilanciata rispetto a qualche pasticca multivitaminica, i cui benefici rimangono non dimostrati». Il ragionamento dei ricercatori è questo: «Considerando che in Europa e nel nord America dal 10 al 20 per cento della popolazione consuma supplementi vitaminici, i loro benefici dovrebbero apparire evidenti. E così non è. Forse perché la loro azione interferisce con il meccanismo naturale di difesa dell'organismo», ipotizzano.

IlGiornale.it


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online