Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione L'olio d'oliva fa bene al cuore

Versione stampabile Segnala ad un amico

Contiene i benefici polifenoli

(ANSA) - WASHINGTON, 07 SET - Adesso, c'e' una prova in piu': l'olio vergine d'oliva, un elemento essenziale della cara, vecchia dieta mediterranea, fa bene al cuore.
Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori spagnoli e pubblicato negli Usa sugli Annals of Internal Medicine, offre una conferma scientifica del diffuso asserto.
L'olio di oliva, se vergine o extravergine, ha, infatti, un elevato contenuto di polifenoli, composti organici con accentuate proprieta' antiossidanti . A questi si aggiungono i grassi non saturi di cui l'olio e' ricco, che costituiscono un'alternativa salutare ai grassi di origine animale.
L'accoppiata polifenoli-grassi non saturi rende l'olio d'oliva vergine una fonte di grassi in grado di ridurre il colesterolo 'cattivo' e un alimento capace d'alleviare lo stress cardiaco derivante dai processi di ossidazione.
Gli autori della ricerca, un gruppo di scienziati spagnoli dell'Istituto municipale di ricerca di Barcellona, hanno studiato gli effetti dell'assunzione di vari tipi di oli vegetali da parte di 200 uomini giovani e di mezza eta'.
Dopo tre settimane, i ricercatori hanno rilevato che il livello di colesterolo 'buono' era significativamente aumentato fra i soggetti che avevano usato l'olio d'oliva vergine come fonte principale di grassi nella loro dieta.
L'olio, pero', deve essere proprio vergine: non basta un derivato delle olive qualsiasi. La dottoressa Maria Covas, una delle autrici della ricerca, ha spiegato in dichiarazioni alla Reuters, che ''tutti gli oli vegetali tranne quello d'oliva vergine sono sottoposti a un processo di raffinazione in cui i polifenoli vanno quasi interamente perduti''.
Ma l'olio d'oliva vergine non e' una panacea e la Covas e' la prima a sconsigliare, per il momento, di abbandonare l'uso di altri oli vegetali (ad esempio per cuocere o friggere): saranno necessarie ulteriori ricerche su scala piu' ampia, per verificare vantaggi e svantaggi di una simile scelta.
(ANSA 2006).


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online