Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione L'importanza dei micornutrienti

Versione stampabile Segnala ad un amico

Accendono una spia nel cervello che regola la sazietÓ

Un particolare segnale cellulare, una sorta di 'spia', attivato da cibo e ormoni aiuta il cervello a capire quando l'organismo ha introdotto un sufficiente quantitativo di nutrienti, quindi pu˛ dirsi sazio. Il particolare messaggio, chiamato mTOR, Ŕ lo stesso associato in passato allo sviluppo di diabete e alcune forme di tumore.

La nuova funzione di mTOR potrebbe, secondo i ricercatori dell'universitÓ di Cincinnati, rappresentare un grimaldello per combattere l'obesitÓ. ''Sia mettendo a punto nuovi farmaci, sia prescrivendo una dieta particolare in grado di attivare la 'spia' per far percepire prima il senso di sazietÓ alle persone con problemi di peso'', spiegano gli scienziati dell'istituto di Genetica dell'ateneo Usa su Science. L'organismo umano Ŕ congegnato in modo da far percepire il senso di fame quando le riserve di energia immagazzinate attraverso il cibo sono diventate insufficienti. ''I segnali che 'dicono' al nostro cervello qual Ŕ il quantitativo di energia disponibile sono gli stessi che possono attivare la 'spia' mTOR nell'area cerebrale che controlla l'appetito''. Da qui l'idea degli scienziati di riuscire a interferire con questo meccanismo per indurre il senso di sazietÓ nelle persone obese. ''Gli esperimenti su alcuni topi hanno dato risposte convincenti''. Il segnale mTOR sembrerebbe particolarmente sensibile agli aminoacidi, soprattutto alla leucina. ''In futuro - concludono i ricercatori - potremmo riuscire a prescrivere diete ad hoc a base di micronutrienti capaci di attivare prima il senso di sazietÓ nel nostro cervello. In questo modo potremmo porre un freno al dilagare dell'obesitÓ''.

adnkronos


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

ę Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online