Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Ayurveda La dieta Ayurvedica

Versione stampabile Segnala ad un amico

L’alimentazione corretta è quella più adatta alla propria costituzione. di Amadio Bianchi

Da sempre l’uomo è alla ricerca di comportamenti alimentari adatti a mantenere o promuovere la salute.
Ho analizzato molteplici punti di vista, alle volte assai complessi, sulle diete e oggi, dopo anni di studio, posso sostenere che i maestri fondatori dell’Ayurveda hanno pensato e stabilito regole alimentari d’essenziale semplicità.
Secondo loro, anche solo attraverso la lingua siamo in grado di riconoscere non solo le qualità ma anche le conseguenze che un determinato alimento può avere sulla nostra costituzione. Il segreto sta nel sapore: esso, ne rivela il contenuto.
Attraverso il senso del gusto si possono individuare sei principali sapori chiamati rasa e che qui di seguito elenco: il dolce, l’amaro, il salato, l’acido, l’astringente e il piccante.
La medicina indiana sostiene che se, s’avverte un sapore, significa che si è alla presenza di precise sostanze e, il loro apporto, va indubbiamente ad interferire nella costituzione.
Il macrocosmo, il microcosmo, o l’essere umano stesso, deriva dalla caratteristica miscela dei cinque fondamentali elementi (bhuta): terra, acqua, fuoco, aria, etere. Il mondo fisico ad esempio è detto terrestre poiché la terra è il suo principale costituente.
Il sapore ci mette in condizione di avvertire la presenza di questi elementi e, ci permette così, di orientare l’alimentazione secondo la nostra costituzione.
Ecco un’interessante specchietto:
1) il sapore dolce risulta dall’insieme di terra e acqua (dolci, pasta, pane, carne, miele ecc.)
2) l’amaro da aria ed etere (caffè, verdure amare, radici amare ecc.)
3) il salato da acqua e fuoco (sale marino, soda, nitrati di sodio ecc.)
4) l’acido da terra e fuoco (yogurt, pomodori, prodotti fermentati ecc.)
5) l’astringente da terra e aria (melograno, frutta non matura come il caco o la banana, alcuni ortaggi ecc.)
6) il piccante da fuoco e aria (peperoncino rosso, ravanello, aglio e cipolla ecc.)
La costituzione, nella medicina indiana, è individuata attraverso il principio dei Tridosha: essenzialmente un dosha è una delle tre forze in grado di animare le funzioni del corpo umano come la respirazione, la digestione, l’escrezione, la formazione di nuove strutture ecc.
Le tre forze sono: la forza di eliminazione detta vata, quella di combustione pitta ed infine quella di assimilazione kapha. Vata è caratterizzato dalla presenza d’aria ed etere, pitta fuoco ed acqua, kapha terra e acqua. Mangiando ad esempio alimenti dolci, aumentiamo l’apporto di terra e acqua nel nostro organismo causando un rafforzamento della forza d’assimilazione kapha. Ecco perché quando mangiano dolci, pasta o pane tendiamo ad ingrassare, così come quando mangiamo cose dal gusto amaro incrementiamo la forza d’eliminazione vata che tende a farci dimagrire. Il salato accresce la forza di combustione pitta, mentre con gli altri gusti, come potete costatare, l’acido, l’astringente e il piccante si può innescare un duplice incremento. Bisogna anche osservare che vata è per così dire il movimento, pitta il metabolismo e Kapha la stabilità, la struttura ossea, la pelle e i tessuti; quindi quando incrementiamo una di queste forze le sue caratteristiche si manifestano con maggiore evidenza sia in senso fisico sia psicologico.
Tutti i sapori dovrebbero essere presenti in una buona dieta ayurvedica ma la quantità
deve variare secondo le caratteristiche costituzionali del soggetto.
Il medico indiano, attraverso la tipica diagnosi del polso, che consiste nel rilevare la vitalità pulsante d’ogni dosha in tre precisi punti, può stabilire quali gusti far prevalere nella dieta di ciascun soggetto, seconda gli squilibri che il battito presenta.
Egli avrà imparato a tener conto di quanto, queste tre forze della natura, possono interferire secondo l’ora della giornata, della stagione o dell’età: ad esempio nel corpo, durante l’infanzia, è naturalmente presente, in modo assai evidente, l’energia kapha (assimilazione a scopo di accrescimento), nell’adolescenza sarà più evidente la forza pitta (combustione e trasformazione) ed in vecchiaia vata (dimagrimento e secchezza.
Seguire in maniera corretta questi principi, porta al controllo, alla stabilità e di conseguenza all’equilibrio della salute.


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
· Per saperne di più su Ayurveda
· Ultime news


Articolo più letto su Ayurveda:
La dieta Ayurvedica

 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online