Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Farmaci Metalli tossici in alcuni rimedi ayurvedici

Versione stampabile Segnala ad un amico

I prodotti possono contenere elevate concentrazioni di metalli pesanti


L'analisi di un campione di prodotti ayurvedici a base di erbe medicinali ha rivelato che il 20 per cento di essi contiene metalli quali piombo, mercurio e arsenico a livelli che potrebbero risultare tossici se assunti direttamente.
Secondo lo studio pubblicato sul numero del 15 dicembre 2004 della rivista "Journal of the American Medical Association", quasi l'ottanta per cento della popolazione dell'India (un miliardo di persone) usa rimedi ayurvedici, un sistema medicinale che ha avuto origine oltre 2000 anni or sono e che fa ampio uso di erbe medicinali. Ultimamente, la popolarità della medicina ayurvedica è cresciuta anche nei paesi occidentali. Poiché i prodotti ayurvedici sono catalogati come supplementi di alimentazione e non come farmaci, di solito non sono sottoposti ad analisi di sicurezza o prove di efficacia prima della commercializzazione.
Robert B. Saper della Scuola di Medicina dell'Università di Boston e colleghi hanno esaminato 70 prodotti ayurvedici fabbricati nell'Asia meridionale e venduti nei supermercati nell'area di Boston. I ricercatori hanno misurato il contenuto metallico dei prodotti, determinando le concentrazioni di piombo, mercurio e arsenico e la quantità di metallo ingerito se si seguissero le raccomandazioni di dosaggio. Questi valori sono stati confrontati con gli standard regolatori dell'Agenzia di Protezione Ambientale (EPA) degli Stati Uniti.
Gli autori hanno scoperto che il 20 per cento dei prodotti studiati (14 su 70) contenevano piombo, mercurio e/o arsenico, e che se assunti nelle dosi consigliati dai fabbricanti, ciascuno di questi provocherebbe un'ingestione di metalli pesanti superiore ai livelli pubblicati negli standard regolatori.
(lescienze.it)


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online