Home page Biospazio.it Informazioni Links Iscriviti Test Argomenti
 Libro 
 

La Dieta Top Energy

Anche come Ebook

 

 Facebook 
 
 

 Test 
 
 

 Annunci Google 
 
 

 Iscriviti 
 

Sei interessato alle medicine complementari? Iscriviti al sito per ricevere la newsletter.

 

 Menu 
 
· Home
· Argomenti
· Test
· Iscriviti
· Links
· Info
 



 
Alimentazione Vegetali e cancro alla prostata

Versione stampabile Segnala ad un amico

Mangiare frutta e verdura è efficace, ma se vengono eliminati i cibi raffinati.


(ANSA) SYDNEY, 22 DIC Dimezzare il rischio di cancro alla prostata puo' essere semplice quanto godersi una fetta di anguria in piu', o aggiungere all'insalata un pomodoro o un peperone. Una ricerca dell'universita' Curtin di Perth, in Australia, indica che mangiare arance, frutta rossa come pomodori e angurie, od ortaggi come peperoni rossi, zucche e spinaci, puo' ridurre il rischio fino al 50%.
Lo studio, pubblicato dalla rivista International Journal of Cancer, dimostra che il licopene e gli altri carotenoidi che di trovano in tale frutta e verdura, grazie alle loro proprieta antiossidanti aiutano a prevenire i danni alle cellule, che rappresentano uno dei fattori principali nello sviluppo del cancro.
La ricerca della Scuola di sanita' pubblica dell'ateneo ha studiato un totale di 404 cinesi, meta dei quali affetti da cancro alla prostata e gli altri che non soffrivano di alcuna forma di cancro, comparando i due gruppi in base a fattori dietetici e di stile di vita. Lo studio e' stato condotto nella provincia cinese di Hangzhou per via della sua numerosa popolazione, della dieta relativamente stabile dei residenti piu' anziani, e del fatto che l'incidenza di cancro alla prostata e' molto piu' bassa che in Australia. Lo studio ha dimostrato che il rischio di sviluppare cancro alla prostata e ridotto di circa meta', negli uomini che consumano i tipi indicati di frutta e verdura.
''Raccomandiamo di mangiare piu' frutta e verdura gialla, arancione e rossa come pomodori, angurie, agrumi e zucche, oltre a verdure scure come gli spinaci, perche' il rischio di cancro alla prostata diminuisce con l'aumento del consumo di licopene di altri carotenoidi che esse contengono'', ha dichiarato il prof. Colin Binns, uno degli autori dello studio.
''Il licopene che si trova nella colorazione rossa di frutta e verdura e' un potente antiossidante che aiuta a prevenire i danni al Dna delle cellule, cioe uno dei fattori chiave nello sviluppo dei tumori'', ha aggiunto. ''Il licopene inoltre rallenta la crescita delle cellule cancerose. Raccomandiamo quindi di mangiare due porzioni di frutta e cinque di verdure ogni giorno''.
Il cancro alla prostata e' il piu' comune dei tumori negli uomini ed il secondo fattore di morte da cancro in Australia. La sua prevalenza varia ampiamente in diverse parti del mondo, il che suggerisce che il suo rischio, o la protezione da esso, dipenda in gran parte da fattori di dieta, di stile di vita e ambientali. (ANSA).


 
 
 Login 
 
 Nickname
 Password
 Ricordati di me


Non hai ancora un account?
REGISTRATI GRATIS.
Come utente registrato potrai sfruttare tutti i servizi offerti.
 

 Link Correlati 
 
 

© Copyright by Biospazio.it - Site by SCC online